Presentata la Terza Marcia del Creato

venerdì 28 agosto 2015
Comunicato Stampa del 28 agosto 2015
 


Di qui passo Francesco…con le ali ai piedi, sui passi del santo di Assisi. Nella Sala Conferenze  dell’Auditorium Fermi di Celano è stato ufficialmente presentato il percorso della Terza Marcia del Creato, da Celano a Castelvecchio Subequo che si svolgerà sabato 29 agosto.
 
All’incontro di presentazione sono intervenuti il Sindaco di Celano Settimio Santilli, il sindaco di Castelvecchio Subequo Pietro Salutari. Per l’ufficio cons. della natura regione Abruzzo Pasquale Casale; Franco Di Bacco dell’associazione Sangue Francisci, Padre Bonaventura Febbo, custode convento di Castelvecchio Subequo,  Angela Seracchioli creatrice del cammino e autrice di due guide tradotte in diverse lingue e, nelle vesti di moderatore, Ezio Ciciotti assessore comunale agli enti sovracomunali.

“Per consolidare ancora di più i legami che, nel nome di Tommaso e San Francesco, già intercorrono tra i nostri Comuni e quello di Assisi, in un prossimo consiglio comunale – ha anticipato il Sindaco Santilli – proporremo la realizzazione di un Patto di Amicizia con il Comune di Assisi. L’iniziativa dovrebbe essere estesa a tutte le altre amministrazioni comunali interessate dal percorso della marcia”.

Il percorso prevede la partenza da Celano, città natale di frate Tommaso (biografo di San Francesco), passando per il "luogo del miracolo dell'acqua" a Baullo, si concluderà al convento di Castelvecchio Subequo, dove i frati conservano il reliquario, un esempio unico come è stato detto nel corso dell’incontro, con il sangue delle stimmate di San Francesco.

La percorrenza di tutto il tragitto, circa 8 ore, è consigliata alle persone allenate, sarà possibile comunque percorrere un solo tratto partendo dalle località indicate (Celano, Aielli, Collarmele). I volontari del Cai accompagneranno i partecipanti per l’intero percorso e all’arrivo è previsto un pasto caldo. Abbigliamento consigliato: scarponcini da escursionismo, giacca a vento, acqua e viveri.

Ufficio Stampa