Bando di Gara, Procedura Aperta per la Progettazione definitiva, esecutiva e per l'Essecuzione dei Lavori di Costruzione di una Scuola Elementare in Celano

giovedì 3 aprile 2014

QUESITO DEL 04/03/14 Prot. 3388


La struttura dell’edificio, fermi restando i requisiti minimi di legge e quelli a miglioria per l’ottenimento del punteggio premiante di gara, deve essere costituita da un particolare tipo di materiale o se possa essere determinata in base a scelta autonoma del concorrente.

Risposta

I materiali per la realizzazione dell’edificio e quelli delle migliorie, per l’ottenimento del punteggio premiante di gara, oltre all’obbligo di possedere i requisiti di legge sono a totale discrezione del concorrente.
 

QUESITO DEL 10/03/14 Prot.3655

 
1) Le classifiche richieste per la partecipazione alla Gara, per la categoria OG1 ed OG11, così come riportate sia nel bando sia nel disciplinare con gli importi ivi dichiarati non corrispondono a quanto previsto dal D.P.R. 34/2000; Ciò DEVE INTENDERSI QUALE MERO ERRORE IN SEDE DI REDAZIONE DEL Bando , a cui si porrà rimedio con successiva rettifica o esiste altra  ragione?;

2) E’ possibile acquistare, oltre che visionare, copia del progetto preliminare? Intal caso si prega di volerne indicare le modalità.

Risposta n. 01
Per quanto qui interessa, il paragrafo 7.2 del disciplinare di gara richiede ai fini dell’ammissione la qualificazione obbligatoria nelle categorie:

OG1 prevalente – classifica IV-bis , OG11-classifica III, OS24- classifica II;

il punto II.2) del bando ribadisce categorie e lavorazioni con importi dichiarati:

1)     Edifici civili e industriali (OG1) – Classifica IV –Bis , € 2.421.229,25 –Prevalente- Subappaltabile

2)     Impianti tecnologici (OG11) – classifica III, € 503.289,28 – Scorporabile – Subappaltabile

3)     Verde e arredo urbano (OS24) – classifica II , € 476.084,46– Scorporabile – Subappaltabile

Premesso che ai sensi dell’art. 60 del D.P.R. n. 207/10, l’attestazione SOA costituisce condizione necessaria e sufficiente per la dimostrazione dei requisiti di capacità tecnica e finanziaria , ai fini dell’affidamento di lavori pubblici e che l’art. 61, secondo comma , del regolamento stabilisce poi che la qualificazione in una categoria abilita l’impresa a partecipare alle gare e ad eseguire i lavori nei limiti della propria classifica incrementata di un quinto. Ne consegue che quanto riportato nel disciplinare al paragrafo 7.2 e nel bando al punto II.2) DEVE INTENDERSI QUALE MERO ERRORE DI TRASCRIZIONE  IN SEDE DI REDAZIONE DEL Bando, CON RETTIFICA DEL CONTENUTO così come dagli importi trascritti al punto II.2) del bando e art. 61 D.P.R. n. 207/10 e precisamente

1)     Edifici civili e industriali (OG1) – Classifica IV, € 2.421.229,25 –Prevalente- Subappaltabile

2)     Impianti tecnologici (OG11) – classifica II, € 503.289,28 – Scorporabile – Subappaltabile

3)     Verde e arredo urbano (OS24) – classifica II , € 476.084,46– Scorporabile – Subappaltabile

Risposta n. 02

E’ possibile acquisire in formato PDF tutti gli elaborati progettuali gratuitamente in sede di presa visione previa disponibilità di chiave USB.

 

QUESITO DEL 12/03/14 Prot. 3812


Si chiede se la Categoria OG 11 III e OS 24 II sono subappaltabili per intero ad imprese in possesso delle relative qualificazioni o se in mancanza di tali categorie è obbligatorio costituire un A.T.I. di tipo Verticale.

Risposta
Relativamente alle Categorie si comunica che con “Errata Corrige” Prot. 4140 del 19/03/2014, pubblicata nel sito ufficiale le categorie sono le seguenti:

1)     Edifici civili e industriali (OG1) – Classifica IV, € 2.421.229,25 –Prevalente- Subappaltabile;

2)     Impianti tecnologici (OG11) – classifica II, € 503.289,28 – Scorporabile – Subappaltabile;

3)     Verde e arredo urbano (OS24) – classifica II , € 476.084,46– Scorporabile – Subappaltabile;

Le Categorie OG 11 II e OS 24 II, sono scorporabili ed interamente subappaltabili.
 
 

QUESITO DEL 18/03/14 Prot. 4165


All’Art. 2 del disciplinare di gara “Tempo di esecuzione dell’Appalto” si fa riferimento ad un tempo utile di 180 gg. soggetti a ribasso da parte dei concorrenti, e non è prevista nessuna limitazione a tale ribasso.

Verrà inserito nel bando un limite minimo del tempo di esecuzione, compatibile con la fattibilità tecnica dell’intervento e a garanzia della buona riuscita dell’opera.

Risposta

Sul Disciplinare di gara, al Punto 8.3   B – Offerta Temporale, recita:

Saranno escluse le offerte che supereranno un ribasso del 20%.

 

QUESITO DEL 25/03/14 Prot. 4376


In relazione alla procedura di cui in epigrafe, singlflchiamo che diverse nostre associate ci hanno segnalato il contenuto della Vostra risposta al quesito prot. 3812 del 12.03.2014, ultimo capoverso, nella parte in cui si afferma che "Le categorie OG11 II e OS24 II... in mancanza di esse è obbligatorio la costituzione di un A.T.I. di tipo verticale''.

L'indicazione fornita, oltre a disattendere la "lex specialis" del bando, risulta in palese contrasto con la disciplina vigente.

Infatti, tenuto conto che ciascuna delle suddette categorie non supera il quindici per dell'importo totale del lavori, appare evidente che le stesse, a scelta del concorrente, possono essere scorporate oppure, in mancanza della relativa qualificazione, possono essere cedute interamente In subappalto a ditta qualificata.

Unico obbligo per il concorrente privo delle relative qualificazioni specialistiche è l'indicazione preventiva (e non facoltativa) del subappalto in sede di offerta.

li tenore della norma in materia non lascia dubbi in proposito quando all'art. 37 - comma 11, del D.Lgs 163/2006 afferma che "qualora nell'oggetto dell'appalto... rientrino oltre al lavori prevalenti, opere per le quali sono necessari lavori o componenti di notevole contenuto tecnologico quali strutture, Impianti e opere speciali ...e qualora una o più di tali opere superi II valore del quindici per cento dell'Importo del totale dei lavori...''.

Inoltre, l'ultimo capoverso - comma 2, dell'art. 109 del D.P.R, 207/2010 afferma "esse sono comunque subappaltatili ad imprese In possesso delle retativi qualificazioni. Resta fermo, ai sensi dell'art. 37. comma 11 del codice, il limite di cui all'art. 170, comma 1, perle categorie di cui all'art. 107, comma, di Importo singolarmente superiore al quindi per cento: sì applica l'art. 92, comma 7".

Risposta
In merito alla nostra risposta al quesito prot. 3812 del 12/03/2014, si è manifestato un errore di trasposizione alla pubblicazione della minuta predisposta dal RUP.

La risposta come da minuta, è stata prontamente ripubblicata nella forma corretta “ LE CATEGORIE OG 11 CLASSIFICA II ED OS 24 CLASSIFICA II SONO SCORPORABILI E INTERAMENTE SUBAPPALTABILI “.

In specifico e meglio dettagliato ad ulteriore chiarimento, il concorrente singolo può partecipare alla gara qualora sia in possesso dei requisiti economico – finanziari e tecnico organizzativi relativi alla categoria prevalente per l’importo totale dei lavori, ovvero sia in possesso dei requisiti relativi alla categoria prevalente OG 1 classifica IV e alle categorie scorporabili OG 11 classifica II e OS 24 classifica II per i singoli importi.

I requisiti relativi alle categorie scorporabili non posseduti dall’impresa devono da questa essere posseduti con riferimento alla categoria prevalente.

Per eseguire le prestazioni a qualificazione obbligatoria oggetto dell’affidamento delle categorie OG 11 II e OS 24 II, il soggetto aggiudicatario sprovvisto delle qualificazioni relative alle categorie scorporabili a qualificazione obbligatoria (che ha coperto tale carenza con un incremento della qualificazione della categoria prevalente) non potrà eseguire direttamente tali lavorazioni, ma sarà tenuto ad affidare in subappalto ad un soggetto munito delle necessarie qualificazioni, fermo restanti le altre forme di legge.

 

QUESITO DEL 26/03/14 Prot. 4448


a) art. 7.3.1 del disciplinare di gara.

In caso di progettista facente parte di un RTI verticale (Impresa-Progettisti) il progettista deve soddisfare il seguente requisito. Fatturato globale…………….           non inferiore a 3 volte l'importo dei servizi a base di gara.

Per servizi a base si gara si intendono quelli riferiti ai soli importi indicati all'art. 1 del disciplinare lettera C e D dello schema Importo complessivo dell'Appalto?

b) art. 7.3.2 del disciplinare di gara.

In caso di progettista facente parte di un RTI verticale (Impresa-Progettisti). Il termine  concorrenti indica i progettisti?

c) art. 7.3.2 del disciplinare di gara.

In caso di progettista facente parte di un RTI verticale (Impresa-Progettisti). I progettisti che hanno svolto nell'arco temporale indicato nell'articolo del disciplinare ai commi a e b servizi come da importi elencati nelle tabelle appartenenti alla classe 1 cat b c d e f g ma non specificatamente servizi per scuole sono da considerarsi a tutti gli effetti qualificati per la partecipazione alla gara di appalto?

 d) art. 7.2 del disciplinare di gara.

Visti gli art. 85-107-108-109- del regolamento sui lavori pubblici si chiede sé un impresa che possiede la categoria generale OG1 classifica 5 o superiore deve costituire pena esclusione dalla gara una ATI di tipo verticale con imprese aventi categoria OG ll classifica III e OS24 con classifica II, o se nelle more della interpretazione del disciplinare e del regolamento è possibile per l'impresa esecutore dei lavori indicare semplicemente la intenzione di subappaltare le categorie specializzate per l'intero importo ad impresa o imprese con idonea SOA . In caso di parere positivo o di indirizzo in tal senso è ancora possibile subappaltare la categoria principale nei limiti del 30%.

L'interrogativo nasce anche in conseguenza anche del vuoto legislativo che si è venuto a creare in conseguenza del DPR 30 ottobre 2013 che annulla parzialmente gli art. 85-107-109 del DPR 207del 2010 e visto che non sono stati ratificati in legge o prorogati i successivi decreti che estendevano in regime transitorio le norme abrogate fino all'estate del 2014.

Risposta

a) Trattasi di appalto misto di lavori e servizi, dove i lavori vengono considerati prevalenti ed i servizi vengono considerati scorporabili, il concorrente che partecipa alla gara, deve essere in possesso dei requisiti minimi di cui al punto 7.2.

Nel caso di impresa in possesso di attestazione SOA con la qualifica di sola costruzione fa riferimento il punto 7.2 lettera “A” del disciplinare.

Nel caso di impresa in possesso di attestazione SOA per progetti e costruzioni fa riferimento al punto 7.2 lettera “B” del disciplinare, inoltre ai fini del raggruppamento dei requisiti, si possono sommare i requisiti di cui all’Art. 263 del regolamento posseduti dalla propria struttura tecnica e dai progettisti associati.

Le lettere C e D indicati all’art. 1 sono i corrispettivi relativi ai servizi di cui al decreto 31/10/2013 n° 143 allegati alla documentazione di gara.

b) Vedi risposta “a”. (Il concorrente è l’appaltatore che partecipa alla gara)

c) Al punto 7.3.2, Il comma “b” rispetto al comma “a” va distinto oltre ad aver svolto lavori appartenenti ad ognuna delle classi e categorie elencate va riferito a tipologia di lavori analoghi per dimensioni e caratteristiche tecniche a quelli dell’oggetto dell’appalto inteso come coerenza tecnica fra la natura degli uni e degli altri.

Orientativamente si fa riferimento al D.M. n° 143 del 31/10/2013 per le analogie “I/b” ed “I/g”.

d) Se la Ditta concorrente non è in possesso delle categorie relative, deve subappaltare per la loro totalità.

Mentre può subappaltare la categoria prevalente purchè in misura inferiore ai limiti previsti dall’Art. 118 D.Lgs 163/2006.