Ulteriori precisazioni su tributi Irpef e Imu

giovedì 12 dicembre 2013
COMUNICATO STAMPA DEL 12 DICEMBRE 2013

TRIBUTI COMUNALI, RETTIFICATO L’AVVISO
 

Se come dicevano i latini “errare è umano” in questi giorni gli Uffici comunali preposti si sono dati un bel da fare per ovviare al “difetto di comunicazione” che ha riguardato le delibere dell’Irpef e dell’Imu, imperfezioni che hanno causato qualche disagio ai contribuenti. 
 
Ma procediamo con ordine.
 
I consiglieri comunali di minoranza l’altro giorno hanno diffuso una nota con la quale si evidenziavano appunto discrepanze nei  provvedimenti adottati dal Consiglio Comunale.
 
Per quanto concerne la questione relativa all’Irpef è stato chiarito come la delibera che fissava l’aliquota allo 0,8 per mille sia stata pubblicata il 24 agosto. Si è proceduto alla ripubblicazione della delibera il 28 agosto dopo l’aggiornamento dell’aliquota abbassata allo 0,2 per mille.
 
Per quanto riguarda, invece, la deliberazione del Consiglio comunale n. 23 del 15 luglio 2013,  relativa all’imposta IMU a questo punto è necessario un approfondimento per spiegare con chiarezza i fatti così come si sono succeduti.
 
La delibera in argomento, avente ad oggetto le determinazioni delle aliquote per l’applicazione dell’imposta comunale propria per l’anno 2013, stabiliva il pagamento delle aliquote più basse.
 
La discrepanza si è verificata al momento della pubblicazione dell’avviso che per un mero errore riportava il testo della proposta di deliberazione omettendo di inserire l’emendamento (illustrato dal consigliere comunale Giuseppe Cleofe ed accolto dall’intera assemblea civica) che riduceva di fatto le aliquote.
 
Ora, aggiungendo che si è già provveduto alla rettifica dell’avviso, si riportano di seguito le aliquote in vigore così come approvate dal Consiglio comunale: 5,6 per mille, unità immobiliari (diversa dalla prima casa) ceduta in comodato d’uso gratuito ai familiari (padre, figlio) con registrazione dell’atto; 7,6 per mille, aliquota base per tutti gli immobili diversi di precedenti (altri fabbricati, aree edificabili).

Ufficio Stampa