Informativa saldo IMU 2013

giovedì 12 dicembre 2013

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE
Numero 23 del 15 luglio 2013

 

 AI FINI DELLA DETERMINAZIONE DELLE ALIQOTE PER IL PAGAMENTO DELL’IMPOSTA IMU 2013 A SALDO,  IL CONSIGLIO COMUNALE HA DELIBERATO QUANTO SEGUE:

Nelle more di una complessiva riforma della disciplina dell’imposizione fiscale sul patrimonio immobiliare e come stabilito dal decreto legge n. 54/2013:
A)  di sospendere il versamento della prima rata dell’imposta municipale propria di cui all’art.13 del decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n.214 per le seguenti categorie di immobili:
1.    Abitazione principale e relative pertinenze (categorie catastali C/2, C/6, C/7 nella misura massima di un’unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali). Sono esclusi dalla sospensione i fabbricati classificati nella catagoria catastale A/1 (abitazione signorili), A/8 (abitazione in ville), A/9 (castelli, palazzi di eminenti pregi artisitci o storici);
2.    Unità immobiliare posseduta a titolo di proprietà o di usufrutto da anziani o disabili che acquistano la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricoveri permanenti, a condizione che la stessa non risulti locata;
3.    Unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata;
4.    Alloggi regolarmente assegnati dagli Istituti autonomi per le case popolari (ATER) o dagli enti di edilizia residenziale pubblica, comunque denominati, aventi le stesse finalità degli IACP.
5.    Terreni agricoli e fabbricati rurali di cui all’articolo 13, comma 4, 5 e 8 del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazione, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, e successive modificazioni.
B)          di confermate per tutti gli altri immobili le seguenti aliquote in vigore per il 2012

ALIQUOTE

5,6 PER MILLE

Laboratori artigianali C3

6,6 PER MILLE

Studi professionali A10

10,60 PER MILLE

Istituti di credito D5 - Edifici pubblici B4

5,6 PER MILLE

Unità immobiliare (diversa dalla prima casa) ceduta in comodato d’uso gratuito ai familiare (padre – figlio) con registrazione dell’atto

7,6 PER MILLE

Aliquota base per tutti gli immobili diversi dai precedenti (altri fabbricati, aree edificabili)

ESENZIONI

Immobili inagibili a causa del sisma – ESENZIONE TOTALE -

Nuove attività di imprenditori individuali, di età inferiore ai 35 anni ESENZIONE TOTALE -

Immobili inagibili per altre cause con dichiarazione di un tecnico autorizzato – ESENZIONE IN MISURA PARI AL 50% -

Nonché le detrazioni  in vigore per 2012 come da delibera n. 77 del 31/10/2012 .

C) Di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile ai sensi dell’art.134 d.lgs. n.267/2000