Nuovi incentivi volumetrici

venerdì 30 agosto 2013
COMUNE INFORMA del 30 agosto 2013

Per abbattere la crisi che sta investendo il settore dell’edilizia c’è la necessità di assumere provvedimenti in grado di rilanciare il comparto, non trascurando le opportunità a vantaggio dei cittadini.
 
Con questo scopo l’Amministrazione Comunale intende, in un prossimo Consiglio comunale, adottare la legge regionale 18 dicembre 2012 n. 62 che prevede i seguenti benefici: aumenti volumetrici, delocalizzazione delle volumetrie, modifiche delle destinazioni d’uso, modifiche della sagoma necessarie per l’armonizzazione architettonica con gli organismi edilizi esistenti.

“La legge regionale 62 – spiega l’Arch. Ermanno Bonaldi assessore all’urbanistica – non solo punta rivitalizzare un settore edile in grande difficoltà ma sarà anche uno strumento a disposizione dei cittadini in quanto tende a razionalizzare il patrimonio edilizio esistente, ad incentivare la riqualificazione delle aree degradate e degli edifici dismessi ed a sviluppare l’efficienza energetica e delle fonti rinnovabili”.

L’ambito applicativo della legge specifica che “sono ammessi interventi di ristrutturazione, ampliamento e di demolizione o ricostruzione con realizzazione di aumenti di volumetria rispetto a quella legittimamente esistente alla data del 1° novembre 2012
Come detto la legge regionale n. 62 deve essere adottata dal Consiglio comunale attraverso una deliberazione attraverso la quale si include su tutto il territorio comunale o parti di esso dei benefici premiali disciplinati dalla legge.

“Il passaggio in Consiglio comunale – aggiunge  l’Assessore Bonaldi – offre ai cittadini l’opportunità di avvalersi degli incentivi volumetrici in misura superiore a quelli già previsti dal Decreto Sviluppo, cioè il 20 per cento, fino ad arrivare al 40 per cento incrementato di un ulteriore  10 per cento della volumetria esistente, qualora l’edificio abbia la qualificazione energetica in classe A”.
“Attraverso la delibera inoltre – conclude Bonaldi – si dovranno stabilire i prezzi delle aree necessari alla monetizzazione delle stesse a standard, laddove non potranno essere reperite”.

Per ricevere tutte le informazioni necessarie gli interessati possono rivolgersi all’Ufficio Urbanistico Comunale.