Francesco Stornelli

sabato 22 settembre 2012
 
Come già programmato e precedentemente annunciato dall’arch. Francesco Stornelli, Consigliere Comunale delegato al centro storico,  hanno avuto inizio i lavori di riqualificazione nel centro storico,  un progetto che si propone di valorizzare al meglio il ricco patrimonio storico ed architettonico di Celano.
 
L’intervento, cofinanziato da fondi  regionali, riguarderà, infatti, il circuito  della cittadella storica che si sviluppa intorno al Castello con l’obiettivo di rendere pedonali tali aree.

La riqualificazione di Piazza IV Novembre, Via Luigi Giuliani e Vai Porta Nuova, - spiega il Consigliere Stornelli - darà ai cittadini, ai turisti ed ai residenti la possibilità di godere a pieno il cuore della città.
 
Quest’area avrà un nuovo assetto, caratterizzato da una forte connotazione di vitalità. In sostanza si avrà per il centro storico cittadino uno spazio fruibile alla collettività in cui si potrà coniugare l’esigenza turistica con quella di un’area per il passeggio ed il tempo libero.

Si è pensato – aggiunge Stornelli con una punta di soddisfazione per la reale concretizzazione dell’idea progettuale  -  ad una soluzione che potesse rappresentare una linea di continuità con le soluzioni già attuate e accettate dal tessuto sociale, mantenendo quanto è stato fatto dalle amministrazioni precedenti.
 
L’opera, infatti, non modifica l’aspetto morfologico della zona in quanto la pavimentazione in lastre di basalto di Via Luigi Giuliani e in sanpietrini di Via Porta Nuova è in continuità con quella esistente.

Entrando più in dettaglio il Consigliere Stornelli aggiunge:

“L’intervento sarà corredato da elementi di arredo urbano, panchine, fioriere, cestini e da un sistema di illuminazione dal basso che esalterà le mura, di epoca medievale, di separazione tra Via Luigi Giuliani e Via Porta Nuova. Vorrei precisare, inoltre, che tale intervento si inserisce all’interno del “Piano di Recupero” per il centro storico”.

Con il piano di recupero – conclude Stornelli -  verranno anche disciplinati per i privati le prescrizioni d’intervento sui fabbricati, tra cui colori, materiali e soluzioni stilistiche da utilizzare.
 
Ufficio Stampa