Francesco Stornelli: sul Parco Urbano di Piazza Aia nessuna marcia indietro

giovedì 5 aprile 2012
In questi ultimi giorni si è parlato tanto, e spesso a sproposito, di dimissioni, riduzioni delle tasse e del progetto del parco urbano di piazza Aia.
 
Colgo l’occasione per intervenire ed esprimere alcune mie considerazioni relative agli argomenti sopra menzionati.
 
Una serie di valutazioni che, mi auguro, possano contribuire a riportare il giusto equilibrio nel dibattito politico e a fare chiarezza su alcuni aspetti che la minoranza di centrosinistra ha, in maniera incomprensibile e fuorviante, sbandierato agli occhi dell’opinione pubblica.
 
La prima osservazione riguarda l’opportunità o meno di abbandonare la nave proprio in questo momento.
 
E’ noto a tutti che la fase che stiamo attraversando non è delle più facili e delle migliori.
 
Il Paese Italia è investito da un ciclo di recessione che dovrebbe indurre a riflettere con maggiore attenzione anche sulle problematiche della nostra città.
 
Ebbene, anche per quanto riguarda l’Amministrazione comunale di Celano, in questo momento non è opportuno vanificare quanto fatto fino ad oggi.
 
I primi due anni di governo attivi sono serviti allo sviluppo della pianificazione e della progettualità che la cittadinanza chiaramente non conosce.
 
Nei prossimi anni, come ci auguriamo tutti, cominceremo a vederne i risultati. Le idee che al cittadino poco interessano se rimangono tali, si saranno trasformate a breve in fatti concreti, che è l’unica cosa che conta.
COMUNICATO STAMPA DEL 5 APRILE 2012
 
Ho sempre pensato che il giudizio di un’amministrazione vada dato a fine mandato e sono certo che il nostro sarà positivo, se tutto non sarà compromesso con l’interruzione del ciclo amministrativo.
 
I Celanesi tutti, indistintamente, sapevano che Filippo Piccone non sarebbe stato un Sindaco qualunque di una cittadina di 12.000 abitanti ed è anche per questo che ha ed abbiamo stravinto le elezioni.
 
Vorrei ricordare che grazie alla sua carica da Senatore il nostro sindaco ha presentato al senato un emendamento grazie al quale arriveranno a Celano dai 30 ai 40 milioni di euro attraverso l’impianto fotovoltaico.
 
A me poco interessa se di fronte ad un’eccezionalità come questa nella storia della politica celanese, il sindaco si è avvalso di dirigenti, peraltro competenti.
 
Se investiremo per merito suo, nei prossimi anni queste ingenti somme per la riqualificazione di tutti i quartieri di Celano tutto il resto passerà in secondo piano.
 
Per quanto concerne le tasse, mi sembra fuorviante quanto affermato dal centrosinistra a tal proposito.
 
Il problema è molto più serio ed articolato. Mi sembra di assistere alla solita e stucchevole propaganda che vuole gettare fumo negli occhi dei cittadini stravolgendo la realtà dei fatti.
 
Un altro argomento sul quale vorrei soffermarmi è il Parco Urbano che dovrebbe essere realizzato a piazza Aia.
 
Il progetto è stato oggetto di osservazioni da parte del centrosinistra.
A loro confermo la ferma volontà dell’Amministrazione di andare avanti nell’iniziativa; a differenza di quanto molti pensano, su Piazza Aia più volte abbiamo dibattuto in maggioranza e da amministratori ragionevoli abbiamo deciso semplicemente di realizzare il parco contestualmente alla realizzazione  del Campus scolastico in Via la Torre.
 
Francesco Stornelli