iIl Vicesindaco di Celano, Ing. Elio Morgante, interviene in replica ai consiglieri comunali del Pd

martedì 29 novembre 2011
Città di Celano
(Provincia L’Aquila)
Comunicato Stampa del 29 Novembre 2011
 
Quando è intenzione di strumentalizzare senza conoscere a fondo i fatti, il rischio è di commettere errori e di affermare cose in questo caso non veritiere.
 
Ancor peggio quando si vuole fare della sterile polemica su questioni per le quali sono stati adottati i provvedimenti e intraprese le opportune iniziative .
 
Così il Vicesindaco di Celano, Ing. Elio Morgante, interviene in replica ai consiglieri comunali del Pd secondo i  quali il Comune sarebbe inadempiente sulle discariche.
 
A questo punto – prosegue il Vicesindaco – è necessario fare chiarezza sull’intera vicenda. I consiglieri del Pd puntano l’attenzione sul Rio Pago affermando che sarebbe pervenuta in Comune una diffida riguardo allo stato di degrado del torrente.
 
Niente di più falso e spiego perché.
 
A termine di colloqui telefonici nel corso dello scorso fine settimana con i dirigenti della Forestale, non ultimo poi un cordiale incontro in data odierna con gli agenti forestali in Municipio, non risulta pervenuta agli uffici comunali alcuna segnalazione o diffida. Insomma, siamo di fronte ad un falso storico.
 
Il Pd lancia accuse nei confronti dell’Amministrazione che non hanno alcun fondamento o riscontro provato. Si tratta di libere, forse troppo, interpretazioni su iter burocratici e confusioni create ad arte.
 
Nel corso dell’incontro, infatti, è  stato chiarito – aggiunge Morgante - che la segnalazione è arrivata alla Forestale da parte di un cittadino ma che ancora oggi la pratica, completa di verbali e supporto fotografico, deve essere perfezionata ed inviata agli organi competenti come prevede la legge.
 
E’ stato altresì specificato che per quanto riguarda precedenti segnalazioni relative ad altre discariche disseminate sul territorio comunale, l’Amministrazione si è immediatamente attivata sia con il Sindaco Piccone che con l’assessore Santilli che, sensibili ed attenti alle tematiche ambientali della nostra Città, hanno dato seguito alle segnalazioni dei cittadini.
 
Per procedere alla bonifica dei siti utilizzati abusivamente per il deposito dei rifiuti sono stati impegnati completamente i  174 mila euro, come reso noto nel corso dell’ultimo Consiglio Comunale.
Un discorso a parte, poi, merita la bonifica del Rio Pago. Porto a conoscenza che a luglio dello scorso anno il Sindaco Piccone ha firmato la richiesta (prot. 10708) indirizzata all’Autorità di bacino (ente del Ministero Ambiente) per un progetto di ripulitura di Rio Pago che prevede un finanziamento, in due stralci, di 900 mila euro.
 
Nella giornata di sabato scorso, intanto, sono state prontamente adottate le opportune azioni: è stata predisposta una ordinanza da parte del Comando della Polizia Municipale con la quale si ordina la rimozione dei rifiuti entro 15 giorni  e nel contempo l’ufficio tecnico ha dato incarico ad una ditta specializzata per l’esecuzione dei lavori prevedendo una spesa di circa 30 mila euro.
 
Vorrei far presente ai consiglieri del Pd – conclude il Vicesindaco - che nessuno è Mandrake, che non è possibile sorvegliare ogni angolo della Città e che le discariche abusive, purtroppo, nascono come funghi.
 
Ma questo è un fenomeno di educazione civica, di buon senso da parte dei cittadini che, al contrario, potrebbero smaltire facendo fare ricorso al servizio gratuito attivato, ed ampiamente pubblicizzato, già da qualche mese dal Comune