PROGETTO DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E RACCOLTA DIFFERENZIATA NELLE SCUOLE

venerdì 6 maggio 2011
Creare una sinergia tra Comune, scuola, nuclei familiari e bambini in tema di educazione civico-ambientale e di raccolta differenziata.
 
Con questo slogan l’Amministrazione comunale, da sempre attenta alle tematiche di tutela ambientale e di salvaguardia della salute dei cittadini, ha dato il via a un progetto basilare per la creazione di una nuova generazione con sani principi di rispetto dell’ambiente.
 
I contenuti del progetto, che partirà con il nuovo anno scolastico, sono stati illustrati nel corso di un incontro con la stampa a cui hanno preso parte gli assessori Settimio Santilli (Politiche ambientali), Vittoriano Frigioni (Pubblica istruzione), Luigi Ciaccia (presidente Aciam) ed i dirigenti scolastici Rita Baliva ed Eliana Morgante.
 
“Partiamo dalla scuola e quindi dai bambini – ha detto l’Assessore Santilli – con lezioni e percorsi formativi specifici per creare una nuova generazione con principi ispirati al rispetto della natura.
 
Dal prossimo anno scolastico ad ogni alunno verrà distribuita una guida per la raccolta differenziata dei rifiuti, ogni classe sarà dotata di un raccoglitore per le pile esauste e di un “ovetto” con tre comparti di colore diverso per la raccolta differenziata di carta, plastica e vetro-metallo.
A fine anno verrà premiata con materiale didattico la classe che avrà raccolto il maggior quantitativo di pile esauste.
 
Ci saranno visite guidate, in collaborazione con l’Aciam, agli impianti di smaltimento e trattamento dei rifiuti.
 
La posta in gioco è molto alta, come tutti comprendono, ma certamente i migliori messaggeri di cultura ambientale sono proprio tutti i ragazzi che nelle scuole temprano il loro carattere e acquisiscono un’adeguata cultura ambientale: solo con il loro impegno sarà possibile pensare ad un domani migliore, in cui il “RIFIUTO” non sia solo rifiuto, ma soprattutto valorizzato per ricreare una ricchezza con tutte le frazioni utilizzabili, in un ciclo virtuoso che sia anche la sintesi di una nuova civiltà sostenibile”.
 
 “Le politiche per la salvaguardia del patrimonio ambientale – dice l’assessore Frigioni – sono uno dei punti di forza della nostra amministrazione. Abbiamo deciso di intraprendere un percorso che porterà  la nostra città ad ottimizzare il servizio di raccolta differenziata. Il primo passo è la sensibilizzazione delle nuove generazioni riguardo ad un tema che diviene sempre più di stretta attualità. Il progetto, che coinvolgerà soprattutto le scuole, è parte di un percorso didattico e formativo che sarà “modellato” alle singole fasce di età dei bambini e dei ragazzi. La fattibilità del progetto è stata possibile grazie alla collaborazione di tutti i dirigenti scolastici che hanno condiviso con entusiasmo le iniziative promosse dall’amministrazione.”
 
Sempre nel corso della conferenza stampa è stata presentata anche la “giornata della bicicletta”, alla quale è collegato il concorso nazionale di disegno riservato alle scuole “Bimbimbici – in bici con gli amici”, che si svolgerà domenica 8 maggio. Gli alunni delle scuole hanno aderito all’iniziativa promossa dall’Assessorato alla pubblica istruzione, realizzando disegni che verranno esposti in Piazza IV Novembre. Nel corso della giornata verrà inaugurata l’apertura dei lavori della rotonda e della pista ciclabile in Via La Torre (palazzetto dello sport) e saranno percorse strade in bici, bonificate dalle discariche abusive.
 
“Abbiamo aderito ai due progetti – ha detto la dirigente scolastica Baliva – perché entrambi mirano all’educazione dei cittadini. Al rispetto dell’ambiente con il riciclaggio dei rifiuti. Alla socializzazione, alla cura della salute ed a conoscere le regole del codice della strada. Proprio in ragione di ciò, il nuovo anno scolastico prevederà un’ora di lezione di educazione civico-ambientale ”.
 
Primo bilancio anche per la raccolta dei rifiuti ingombranti: dal primo marzo, data di partenza del servizio gratuito, a cura del Comune ogni giovedì pomeriggio della settimana, sono stati raccolte ben 4 tonnellate di rifiuti che potenzialmente avrebbero deturpato le zone periferiche e di campagna del paese.
 
Ufficio Stampa